Una intervista con … 
Morrnah Simeona e Dr. Stan Hew Len*
di Deborah King – collaboratrice del New Times

"Ci possiamo appellare alla Divinità che conosce le nostre innate caratteristiche personali,per la guarigione di tutti I pensieri e memorie che stiamo tenendo fino a questo momento,” dolcemente racconta Morrnah Simeona. “E’ una questione di andare oltre ai mezzi tradizionali per accedere alle conoscenze su noi stessi."



Il procedimento cui Morrnah fa riferimento si basa sull’antico metodo Hawaiiano di riduzione (rilascio) dello stress e di risoluzione dei problemi chiamato Ho’oponopono. La parola Ho’oponopono significa fare il giusto, rettificare un errore. Morrnah è una nativa Hawaiiana Kahuna Lapa'au. Kahuna significa “custode del segreto” e Lapa’au significa “uno specialista in guarigione”. Lei fu scelta da una kahuna mentre era ancora un bambina piccola e ha ricevuto i suoi doni di guarigione all’età di tre anni. È la figlia di un membro della corte della Regina Liliuokalani, l’ultima sovrana delle Isole Hawaii. Il procedimento che viene portato avanti adesso è una modernizzazione di un antico rituale spirituale di pulizia. Ha prova di essere così efficace che è stata invitata ad insegnare questo metodo alle Nazioni Unite, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, e ad altre istituzioni in tutto il mondo.

Come funziona Ho’oponopono? Morrnah spiega, “Noi siamo la somma totale delle nostre esperienze, che è come dire che siamo schiacciati dal nostro passato. Quando sperimentiamo nella nostra vita stress o paura, se potessimo guardare con attenzione, potremmo trovare che la causa è effettivamente una memoria. Sono le emozioni legate a queste memorie che ci influenzano. Il subconscio associa una azione o persona nel presente con qualche cosa che è avvenuto nel passato. Quando succede questo, le emozioni vengono attivate e si produce stress.”

Lei continua, “Lo scopo principale di questo procedimento è scoprire la Divinità in noi stessi. L’Ho’oponopono è un profondo dono che permette di sviluppare un lavoro di relazione con la Divinità interiore, e di imparare a chiedere questo in ogni momento, i nostri errori attraverso pensieri, parola o azioni vengono ripuliti. Il procedimento è essenzialmente sulla libertà, completa libertà dal passato.”

Ogni memoria in ogni esperienza, dal primo momento della nostra creazione, eoni fa, è memorizzata come una forma pensiero che è registrata nel piano eterico. Questo incredibile registratore/computer è anche conosciuto come subconscio, unihipili o l’aspetto bambino dentro di noi. Il bambino interiore è veramente reale e comprende una parte del Sé. Gli altri aspetti sono la madre, conosciuta anche come uhane o mente razionale, e il padre, l’aspetto superconscio o Spirituale. I tre comprendono la famiglia interiore, che, in collaborazione con il Divino Creatore, forma la propria I-dentità del Sé. Ogni essere umano nel creato, ogni pianta, atomo e molecola ha questi tre sé, e ancora, le caratteristiche innate di ognuno sono completamente differenti.

Il compito più importante per le persone è trovare la propria vera identità e di metterla nell’Universo. Questo procedimento consente che questa comprensione sia resa disponibile.
Lo scopo di Ho’oponopono è: 1) Connettere con la Divinità interiore momento per momento; 2) Chiedere che il movimento e tutto quello che lo contiene, sia ripulito. Solo la Divinità può fare questo. Solo la Divinità può cancellare o correggere le memorie e le forme pensiero. Da quando la Divinità ci ha creato, solo la Divinità sa quello che sta avvenendo in una persona.

In questo sistema, non c’è bisogno di analizzare, risolvere, gestire o far fronte ai problemi.  Poiché la divinità ha creato ogni cosa, puoi andare direttamente da Lui e chiedere che venga corretta e ripulita.

Nell’area della risoluzione dei problemi: il mondo è un riflesso di quello che sta avvenendo dentro di noi. Se ti senti sconvolto o squilibrato, il posto da guardare e dentro a te stesso, e non fuori all’oggetto che percepisci come la causa del tuo problema. Ogni stress, squilibrio o malattia può essere corretta soltanto attraverso il lavoro su sé stessi. È importante dire che questo sistema è fondamentalmente diverso da altre forme di Ho’oponopono. Nei metodi tradizionali, ognuno coinvolto nel problema deve essere fisicamente presente e lavorare insieme. Nel sistema di Morrnah ogni cosa può essere trattata tra te e la Divinità. N          on hai bisogno di andare fuori di un centimetro da te stesso per una risposta o un aiuto. Non c’è nessuno che può dare più informazioni rilevanti di quelle che puoi avere da dentro di te.

Morrnah raccomanda particolarmente Ho’oponopono per coloro sono nelle professioni sanitarie: “é importante ripulire i modelli Karmici con i vostri clienti prima di iniziare a lavorare con loro, in modo che non si attivano cose vecchie tra di voi. Forse non dovresti proprio lavorare con quella persona. Solo la Divinità sa. Se tu lavori con una persona e questo non è affar tuo, potresti prendere dalla persona l’intero problema e ogni cosa che è associato ad esso. Questa è la causa di molti esaurimenti. L’Ho’oponopono fornisce gli strumenti per prevenire che questo accada.”

Morrnah augura per la nostra società occidentale che tutti facciano delle cose per ridurre lo stress. “Le persone dell’Occidente hanno grande difficoltà a mettere l’intelletto da parte. E’ difficile per la mente occidentale affidarsi all’Essere Più Alto a causa delle chiese tradizionali occidentali, in cui gli Esseri più Alti non sono resi così evidenti.” E continua, “L’uomo occidentale è andato agli estremi con il suo intellettualismo che divide e tiene le persone separate. L’uomo allora diventa un distruttore perché gestisce e affronta, piuttosto che lasciare che le forze del Flusso Divino si perpetuino attraverso di lui le giuste azioni.”

Morrnah lavora con il suo collega, Dr. Stanley Hew Len, che ha trascorso diversi anni come consulente in psicologia clinica all’Ospedale Statale delle Hawaii. Ha avuto dei risultati profondi usando questo procedimento con i più pericolosi, violenti e “mentalmente ammalati” criminali delle Hawaii. Ha pulito i suoi giudizi, convinzioni, attitudini e ha chiesto alla Divinità che cosa può fare per la persona. E mentre queste memorie e attaccamenti si sono ripulite, il paziente migliorava. “La Divinità” commenta Stan, “dice che è il momento di portare tutti i bambini a casa.”



[* conosciuto anche come Dr. Ihaleakala Hew Len]

 

FaLang translation system by Faboba